Farnia

postato in: Alberi e Arbusti | 0

Farnia, Quercus robur L.

Fam. Fagaceae

Diffusione: Tipica pianta di pianura, può raggiungere anche gli 800-900m.

Dimensione e Portamento: Portamento arboreo, chioma ampia, espansa, più o meno globosa con apice arrotondato in una formazione a cupola. Puù raggiungere i 30-40 metri di altezza.

Tronco e Corteccia: Fusto dritto, ramificato sulla parte medio-alta, rami disposti in modo da creare ampio cappello, globoso o affusolato a seconda dell’età e dell’ambiente. Scorza grigiastra, intensamente solcata e incisa longitudinalmente. Chioma irregolare se associata ad altre piante, o se posta a sesti molto ravvicinati.

Foglie, Gemme e Rametti: Foglie caduche, semplici, obovate con apice espanso e lamina più stretta presso l’inserzione sul ramo, che avviene in modo quasi sessile (breve picciolo appena visibile). Margine lobato, con lobi arrotondati e non molto profondi; sul punto di attacco al rametto, il margine forma due caratteristici lobi «a orecchiette» asimmetrici. Foglie di colore verde più o meno intenso, con pagina inferiore glabra e chiara. Lunghe 8-12cm, ed inserite in modo alterno.

Strutture riproduttive: Monoica, con fiori unisessuali riuniti in infiorescenze. Fiori maschili, amenti penduli con gruppi di fiori radi lunghe 2-3cm, verde-giallastri; fiori femminili, terminali, inseriti singolarmente o a gruppi fra loro distanziati, su lungo peduncolo. Fioritura, fine aprile-maggio. Frutto, ghianda, noce ovoidale o clindrica 2-4cm, avvolta da una cupola con squame rilevate ed arrotondate. Ghiande inserite singolarmente o a gruppi di 2-4 su tipico peduncolo lungo fino a 3-6cm (parametro per distinguerla dalla Rovere, che ha ghiande sessili).

Caratteristiche: Pianta abbastanza rustica a crescita lenta, ma longeva. Pianta eliofila, che preferisce esposizioni aperte e ampi spazi. Si alterna alla Rovere a seconda della pendenza e della quantità di acqua nel terreno. Infatti il suo apparato radicale, inizialmente fittonante con successivo denso sviluppo superficiale, non permette alla pianta di attrarre a se l’acqua necessaria, qualora la falda si abbassa a causa della stagione o dell’inclinazione del versante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *